Edizioni URRA
www.urra.it
Il bambino non muore mai...nulla mai
muore. Il bambino c'è, è sempre presente,
ricoperto da altre esperienze... ricoperto
dall'adolescenza, poi dalla giovinezza, in seguito
dalla mezza età e poi dalla vecchiaia...
ma il bambino è sempre presente.
Tu sei semplicemente come una cipolla, strato su
strato, ma se sbucci la cipolla, al suo interno
troverai strati freschi. Continua, vai sempre più
in profondità e troverai
strati più freschi. La stessa cosa vale
per l'uomo: se vai in profondità al suo interno,
troverai sempre il bambino innocente...
E contattare questo
bambino innocente è terapeutico.
(Osho, The Wild Geese and the Water)